Colloqui di Dobbiaco 2020

25-27 settembre

Contro il caos climatico: tra tecnologia e sufficienza

Ideazione: Wolfgang Sachs e Karl-Ludwig Schibel


Introduzione

Nessuno mette più in discussione il cambiamento climatico e pochissimi dubitano sul ruolo dell’uomo nel riscaldamento globale. Tutti, o quasi tutti vogliono proteggere il clima. Ma quali sono i nuovi conflitti e controversie? I Colloqui di Dobbiaco 2020 vogliono offrire ai partecipanti - ai quali la protezione del clima sta già a cuore - l’opportunità di informarsi e discutere, approfondire e orientarsi in questo campo d'azione che determinerà il futuro dell'umanità. Soprattutto ora che la protezione del clima viene alla ribalta, non da ultimo a causa di “Fridays for Future”, ma anche della crescente frequenza e intensità di eventi meteorologici estremi, coloro che si sono impegnati per anni nella protezione del clima si trovano davanti alla sfida di ridefinire le opzioni e le strategie di azione.

Non è più importante convincere i decisori e il grande pubblico della minaccia rappresentata dai cambiamenti climatici, ma distinguere tra promettenti opzioni d’azione da un lato e pseudo-soluzioni nate da interessi particolari o convinzioni fondamentaliste dall’altro in una situazione difficile da comprendere. Potrebbero rimanere un’opzione i combustibili fossili, come prevede il “piano climatico” dei repubblicani nella Camera dei rappresentanti degli Stati Uniti, che vuole far fronte ai cambiamenti climatici piantando alberi e catturando e immagazzinando carbonio? È necessario sostenere coloro a favore della post-crescita che vogliono anche impedire le industrie “verdi” e considerano la “crescita intelligente” in un New Deal Verde come un tentativo di scacciare il diavolo con il Belzebù?

Inizia già con il termine “cambiamento climatico”. Sembra abbastanza innocuo e si presta all’affermazione piuttosto banale che il clima è sempre cambiato. Il termine “caos climatico” sembrava, a molti di coloro che lavorano nel campo, poco serio e troppo drammatico. Oggi ci si deve domandare se questa drammatica esacerbazione sia ancora in ritardo rispetto alla realtà. Al centro dei Colloqui quest’anno ci sarà la questione del rapporto tra soluzioni intelligenti, tecnologia e sufficienza. Sia il potenziale contributo delle soluzioni in campo per smorzare i cambiamenti climatici, nonché la loro accettazione sociale e fattibilità in una società democratica.

Programma

Venerdì sera
A qualcuno piace caldo - Conferenza spettacolo sul clima che cambia
Con Stefano Caserini, Erminio Cella, Francesca Cella

Sabato mattina
Climate Emergency. Scenari di possibili vie di fuga
Graeme Maxton
Discussants: Isabella Alloisio, Zeno Oberkofler

Sabato pomeriggio
Efficienza e Sufficienza. Due prospettive per la trasformazione dei settori termico e trasporto
Lorenzo Pagliano, Politecnico di Milano

Gruppi di lavoro
I gruppi di lavoro si svolgeranno in parallelo


Sabato sera

Tradizionale cena a base di canederli

Domenica mattina
Rapporti dai gruppi di lavoro
Green New Deal e conversione ecologica dell’industria
Stephan Kohler
L’ecologia blu – un’ecologia per il 21° secolo
Matthias Horx
Cinque anni di Obiettivi per lo Sviluppo sostenibile. Quale futuro?
Enrico Giovannini

Ultimo aggiornamento: 04.2020

MENÜ